blog

La ricerca sul legame tra cancro e dieta è in corso

La ricerca sul legame tra cancro e dieta è in corso

Qual è il tuo miglior trucco per la gestione dell’ITP? Condividilo su Tippi e ottieni consigli dagli altri!

2. Prodotti detergenti

Di solito è una buona idea pulire un taglio o un graffio minore prima di applicare una benda. Per fare questo, puoi usare acqua e sapone, ma per rendere portatile il tuo kit di emergenza, potresti voler includere una piccola bottiglia di perossido di idrogeno.

Vale la pena notare che per la maggior parte delle persone che soffrono di ITP, una semplice pulizia è sufficiente per una ferita minore. “Qualcuno con ITP non è necessariamente a maggior rischio di infezione solo perché sanguini più a lungo”, spiega Tellez. “Non hai necessariamente bisogno di soluzioni detergenti insolite o antibiotici topici. “

3. Comprimi

Un impacco è una benda elastica che può essere utilizzata per applicare pressione su una ferita avvolgendola un po ‘strettamente attorno all’arto colpito. Viene generalmente applicato dopo aver pulito la ferita e applicato una benda o una garza.

Ma un impacco può essere utile anche senza una benda sottostante se si verificano sanguinamenti sotto la pelle o un ematoma, una raccolta di sangue coagulato fuori dai vasi sanguigni. “Il miglior primo soccorso per qualcosa del genere è sempre la compressione”, afferma Terry B. Gernsheimer, MD, ematologo e professore di medicina ed ematologia presso l’Università di Washington Medicine a Seattle.

Il dottor Gernsheimer osserva che se si verifica un ematoma o qualsiasi altra forma significativa di emorragia interna, è necessario seguire il primo soccorso con tempestiva attenzione medica, nonché qualsiasi altro trattamento auto-somministrato consigliato dal medico.

4. Impacco di ghiaccio

L’applicazione di un impacco di ghiaccio può essere un buon modo per ridurre l’infiammazione che di solito si accompagna a tagli e contusioni e può migliorare la guarigione in alcune situazioni.

“L’infiammazione può essere molto dannosa” nel contesto di una ferita, dice Tellez. Man mano che il processo di guarigione procede, “Molto gonfiore e arrossamento derivano dall’infiammazione e un impacco di ghiaccio può rallentarlo o prevenirlo. “

È importante non applicare un impacco di ghiaccio direttamente sulla pelle, a meno che non sia il tipo di prodotto che ha una barriera incorporata per garantire che non sia troppo freddo. Invece, dovresti avvolgere l’impacco di ghiaccio in un panno sottile e riorganizzare periodicamente la sua posizione sulla pelle.

Per un kit di emergenza che puoi portare con te, includi un impacco di ghiaccio istantaneo, che diventa freddo quando lo attivi secondo le istruzioni.

5. Farmaci antifibrinolitici

Per alcune persone con ITP da moderata a grave, applicare una pressione potrebbe non essere sufficiente per fermare il sanguinamento fuori controllo da una lesione esterna o interna. Se rientri in questa categoria, il medico può prescrivere un farmaco antifibrinolitico orale, che https://harmoniqhealth.com/it/suganorm/ aiuta a stabilizzare la coagulazione.

“Nel nostro corpo abbiamo una cascata di coagulazione e abbiamo il sistema fibrinolitico che scompone i coaguli”, spiega Tellez. “Se blocchi il sistema fibrinolitico, qualunque coagulo prodotto dal corpo dura più a lungo. “

Dovresti prendere un farmaco antifibrinolitico orale secondo le istruzioni del tuo medico. Oltre alle ferite della carne, le situazioni in cui potrebbe essere consigliato di assumere questo farmaco includono epistassi e periodi mestruali molto abbondanti.

Oltre agli antifibrinolitici orali, sono disponibili versioni topiche che possono essere applicate direttamente su una ferita.

6. Tylenol (paracetamolo)

Se ti fai male, potresti anche cercare un sollievo dal dolore. Per le persone che soffrono di ITP, la scelta migliore per gli analgesici da banco è il Tylenol (paracetamolo), poiché non inibisce la coagulazione del sangue.

Tellez osserva che altri comuni analgesici, tra cui l’aspirina e Advil (ibuprofene), hanno effetti anti-coagulazione che possono essere dannosi per le persone che hanno la ITP.

7. Gioielli o carte di allerta medica

In caso di lesioni gravi o altre emergenze mediche, è fondamentale che i paramedici e altro personale medico sappiano che hai ITP. Per fare ciò, dovrai indossare un braccialetto o una collana di allerta medica o un altro tipo di targhetta di identificazione.

“Penso che le persone dovrebbero avere una carta nel portafoglio che dice cosa hanno e chi contattare, o se non sono qualcuno che ha sempre un portafoglio sul corpo, dovrebbero indossare un braccialetto, un’etichetta o una collana “, Consiglia Gernsheimer.

Anche se hai un cartellino di avviso medico o gioielli su di te, è una buona idea assicurarti che le persone a te vicine sappiano di informare i primi soccorritori del tuo ITP in caso di emergenza. “È la prima cosa che dovrebbero dire ai paramedici quando arrivano”, dice Tellez. “I professionisti medici reagiranno in modo completamente diverso con queste informazioni. “

Iscriviti alla nostra Newsletter per una vita sana!

Le ultime novità in fatto di trombocitopenia immunitaria

12 cibi da mangiare o evitare con la trombocitopenia immunitaria

Anche se non esiste una semplice soluzione dietetica a questa malattia del sangue, ciò che mangi può avere un impatto reale sulla tua condizione.

Di Quinn Phillips, 21 dicembre 2020

10 consigli per l’auto-cura per aiutarti a gestire la trombocitopenia immunitaria

Sebbene sia importante seguire qualsiasi trattamento prescritto, ci sono anche passaggi vitali che puoi intraprendere da solo per tenere sotto controllo questa malattia del sangue.

Di Quinn Phillips, 21 dicembre 2020

8 cose che le persone con trombocitopenia immunitaria dovrebbero sapere

Navigare in una nuova diagnosi di ITP può essere difficile. Ecco le cose principali che dovresti sapere su questa malattia del sangue.

Di Quinn Phillips, 21 dicembre 2020

6 modi per gestire i sintomi dell’emoglobinuria parossistica notturna

Per aiutare a gestire i sintomi di questa rara malattia del sangue, da stanchezza e mal di testa a lividi e sanguinamento, segui questi passaggi.

Di Andrea Peirce, 1 gennaio 2021

7 modi per gestire gli aspetti emotivi dell’emoglobinuria parossistica notturna

Dopo che ti è stata diagnosticata questa rara malattia del sangue, potresti provare una serie di emozioni, nonché stress e ansia. Ecco come affrontarlo.

Di Andrea Peirce, 1 gennaio 2021

La tua guida alla comprensione degli inibitori dell’angioedema ereditario (HAE)

L’angioedema ereditario (HAE) è una malattia genetica rara che causa episodi di gonfiore in diverse aree del corpo. I farmaci possono aiutare a prevenire gli attacchi. . .

Di Julie Marks, 29 giugno 2020

Cosa succede durante un attacco di angioedema ereditario e cosa dovresti fare?

Ecco una spiegazione passo passo di cosa sta succedendo nel tuo corpo durante un attacco di HAE.  

Di Julie Marks, 29 giugno 2020

Angioedema ereditario parlante (HAE): un glossario di termini usati per descrivere sintomi, test, trattamenti e altro

Conoscere questi termini può aiutarti a familiarizzare con l’angioedema ereditario (HAE) e ad assisterti durante la navigazione.  

Di Julie Marks, 23 giugno 2020

Che aspetto hanno gli attacchi di angioedema ereditario (HAE) su 7 parti del corpo

Ti stai chiedendo che aspetto abbia un attacco HAE? Ecco una varietà di modi in cui si manifestano.   

Di Julie Marks, 18 giugno 2020 “

Poiché sempre più persone convivono con il cancro come condizione cronica, l’attenzione si sta spostando su come convivere bene con la condizione. iStock

Ottenere una diagnosi di cancro può sconvolgere la tua vita – fisicamente, emotivamente e spiritualmente – anche se presenta una serie completamente nuova di preoccupazioni pratiche: dovrai capire come trovare il team sanitario giusto, gestire le prescrizioni, affrontare i problemi finanziari e assicurativi domande e molto altro ancora. La guida qui ti aiuterà ad affrontare le sfide del cancro, sia che tu stia prendendo decisioni per te stesso o se sei la persona amata o il caregiver di una persona che è malata o in via di guarigione.

Gestione della vita quotidiana e delle complicanze del cancro

Una diagnosi di cancro può alterare i ritmi della tua vita, influenzando tutto, da ciò che mangi a come viaggi. Gli esperti di cancro hanno consigli su come suddividere i grandi cambiamenti in passaggi più piccoli.

Dieta per il cancro

Il cancro e gli effetti collaterali del trattamento come dolore e nausea possono rendere difficile mangiare. Tuttavia, è importante tenere presente che una dieta nutriente con calorie e proteine ​​adeguate può aiutare a mantenere i livelli di forza ed energia, proteggere dalle infezioni, alleviare l’affaticamento e la nausea e accelerare il recupero.

L’American Cancer Society (ACS) offre una serie di suggerimenti su come ottenere abbastanza nutrimento durante il trattamento del cancro. Le sue raccomandazioni includono i seguenti consigli:

Obiettivo per due tazze e mezzo di frutta e verdura ogni giorno. Includere agrumi e verdure verde scuro e giallo intenso. Riduci al minimo i cibi ricchi di grassi (specialmente quelli di origine animale). Optare per metodi di cottura a basso contenuto di grassi come cuocere al forno o grigliare sopra la frittura. Snack per tutto il giorno. Gli snack energetici – yogurt, cereali e latte, formaggio e cracker – ti aiutano ad assumere abbastanza calorie e proteine.

La ricerca sul legame tra cancro e dieta è in corso.

Esercitarsi con il cancro

In passato, i medici in genere consigliavano alle persone con cancro di non stancarsi con l’esercizio. Quel consiglio è cambiato completamente, con un gruppo di esperti convocato dall’American College of Sports Medicine che ha trovato prove evidenti che anche una mezz’ora di esercizio aerobico fatto tre volte a settimana può combattere ansia, depressione e stanchezza e migliorare la qualità della vita e la funzione fisica. . (Le persone con cancro dovrebbero collaborare con i loro medici per adattare un regime di esercizio.) Il gruppo ha anche scoperto che, per le persone con diagnosi di cancro al seno, al colon o alla prostata, vi è evidenza di un’associazione tra esercizio e sopravvivenza più lunga.

Gestire le tue prescrizioni per il cancro

Alcune persone affette da cancro devono assumere fino a 20 pillole al giorno, secondo l’MD Anderson Cancer Center dell’Università del Texas, sia per combattere il cancro che per contrastare dolore, nausea, bassa conta ematica e altro. La gestione di più farmaci può creare confusione, ma il team di MD Anderson ha suggerimenti su come rimanere organizzati e nei tempi previsti:

Compra un portapillole. Venduti nei negozi di droga, questi contenitori hanno diversi scomparti per contenere le pillole di ogni giorno. Sono disponibili modelli con serrature a prova di bambino, allarmi promemoria o distributori automatici. Crea il tuo organizzatore. Metti il ​​farmaco di ogni giorno in una tazza piccola (o due tazze, se devi prendere le pillole due volte al giorno). Crea grafici e calendari. Scrivi un elenco delle pillole che devi prendere ogni giorno, quindi cancella ogni medicinale dopo averlo preso. In alternativa, etichetta ogni bottiglia di medicinale con un adesivo di un colore diverso, quindi posiziona un adesivo corrispondente sul calendario dopo aver preso la pillola.

Medicina complementare e alternativa per il cancro

Le persone affette da cancro spesso guardano oltre la medicina tradizionale per trovare sollievo. Mentre molti approcci sono in gran parte non provati (come l’ingestione di curcuma o aceto di mele) o potenzialmente dannosi, una serie di terapie complementari sembra alleviare in modo sicuro i sintomi del cancro o gli effetti collaterali dei trattamenti, secondo il National Cancer Institute (NCI). Studi clinici sull’agopuntura, ad esempio, hanno scoperto che può alleviare la nausea e il vomito; la ricerca sull’aromaterapia con oli essenziali ha prodotto risultati contrastanti.

In viaggio con il cancro

Se vuoi o hai bisogno di viaggiare durante il trattamento del cancro o subito dopo, ci sono modi per migliorare l’esperienza proteggendo la tua salute. La National Comprehensive Cancer Network offre numerosi suggerimenti:

Ottieni l’ok dal tuo team medico. Chiedi al tuo medico di scrivere una lettera su carta intestata ufficiale che spieghi la tua condizione, il regime di trattamento e i farmaci e tienila sempre con te, specialmente se hai una porta IV o un altro dispositivo interno che potrebbe sollevare domande durante i controlli di sicurezza dell’aeroporto. Pianifica i dettagli del viaggio in anticipo. Avvisare la compagnia aerea in anticipo se è necessario ulteriore ossigeno per adattarsi alla pressione dell’aria in cabina o se è necessario un posto sul corridoio in modo che sia più facile alzarsi e muoversi periodicamente in cabina (la maggior parte dei tumori aumenta il rischio che un lungo periodo di seduta possa portare a un coagulo di sangue). Preparati per l’imprevisto. Ben prima del viaggio, assicurati di identificare un ospedale oncologico, un medico e una struttura di emergenza nella tua destinazione che potrebbero fornire cure. Inoltre, ricontrolla la tua assicurazione per assicurarti di avere una copertura mentre sei lontano da casa.

Trovare medici per il cancro

Combattere il cancro richiede un approccio di squadra. Il gruppo senza scopo di lucro CancerCare elenca un numero di specialisti che lavorano insieme per curare la malattia, inclusi i seguenti ruoli:

Oncologo medicoOcologo chirurgicoOncologo radioterapistaInfermiere di oncologiaAssistente sociale di oncologiaPsichiatraDietitista o nutrizionista

Oncologo medico

Questo medico si concentra sul cancro, sulla gestione del trattamento e sul coordinamento degli sforzi del team sanitario.

Oncologo chirurgico

Se un paziente necessita di un intervento chirurgico, interverrà questo specialista del cancro.

Oncologo delle radiazioni

Questo specialista ha esperienza nel trattamento del cancro con le radiazioni.

Infermiera di oncologia

Un infermiere di oncologia ha una serie di responsabilità, tra cui fornire assistenza al letto del paziente e istruire i pazienti e le famiglie sulla malattia e sul trattamento.

Assistente sociale oncologico

Un assistente sociale di oncologia fornisce consulenza alle persone malate di cancro e le aiuta ad accedere a servizi e diversi tipi di assistenza pratica (come la compilazione di documenti per presentare domanda di disabilità previdenziale).

Psichiatra

Questi medici possono prescrivere farmaci ansiolitici o antidepressivi a persone che ne hanno bisogno.

Dietologo o nutrizionista

Un dietista registrato può aiutare i pazienti a gestire il mangiare e il bere e affrontare i problemi legati alla diminuzione dell’appetito, alla perdita di peso e ai problemi di masticazione e deglutizione.

La tua salute mentale e il cancro

Sebbene una diagnosi di cancro sia dolorosa, ci sono misure che le persone possono intraprendere per proteggere la propria salute mentale e trattare i disturbi di ansia o depressione che possono insorgere.

Gestire la depressione e il cancro

La depressione è diversa dalla tristezza o dal dolore; è una malattia mentale. L’NCI afferma che circa il 20 per cento delle persone con diagnosi di cancro diventerà depresso. Il trattamento può includere queste opzioni:

Consulenza o terapia della parola, come intervento di crisi, psicoterapia o terapia cognitivo comportamentale Farmaci antidepressivi

Gestire l’ansia e il cancro

Secondo l’NCI, gli studi dimostrano che quasi la metà di tutte le persone con cancro afferma di provare ansia, con circa un quarto che afferma di provare una grande quantità di ansia. L’NCI suggerisce una serie di trattamenti per i disturbi d’ansia:

Consulenza individuale, di coppia, familiare o di crisi Terapia di gruppo Gruppi di auto-aiuto Terapia cognitivo comportamentale Terapia di rilassamento, come ipnosi o meditazione Ansiosi o farmaci antidepressivi

Come il cancro può influenzare le tue relazioni

Il cancro può rafforzare alcune relazioni creando tensione in altre. Imparare a far fronte alle ricadute emotive di una diagnosi è fondamentale per la tua salute mentale e fisica.

Le tue amicizie e il cancro

Gli studi hanno dimostrato che le persone malate di cancro stanno meglio – e possono anche vivere più a lungo – con il sostegno sociale. Ma a volte gli amici si tirano indietro perché non sanno cosa dire o come aiutare. Se hai il cancro, essere aperto su come ti senti e specifico e chiaro su ciò di cui hai bisogno, può aiutarti a mantenere forti le tue relazioni.

Il tuo coniuge o partner e il cancro

Il cancro può mettere alla prova anche le relazioni più amorevoli perché coinvolge conversazioni potenzialmente spaventose su tutto, dai limiti fisici e le preoccupazioni finanziarie alla morte. L’American Society of Clinical Oncology ha raccolto alcuni suggerimenti su come gestire queste sfide.